cosa dicono di noi

Siete ancora indecisi se iscrivervi alla Scuola di filosofia? Siete interessati ma non sapete se la troverete troppo difficile? Vi chiedete che cosa dovete aspettarvi da una Scuola di filosofia?

Ogni anno nella scheda di iscrizione chiediamo ai corsisti che hanno già frequentato una valutazione della loro esperienza. Ne copiamo qui alcune in forma anonima.

“La Scuola di Filosofia si è confermata essere una grande opportunità di scambio, di riflessione, di stimolo, di arricchimento.
Apprezzo l’impostazione volta al coinvolgimento diretto di tutti i partecipanti.”

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Se il mondo oscilla troppo

Lunedì 19 novembre 2018 è uscita un’intervista a Pier Aldo Rovatti, in occasione della presentazione del programma 2019.

 


Presentazione del programma alla Libreria Dedalus

Dedalus1

venerdì 25 novembre, alle ore 18, alla Libreria Dedalus in via Torrebianca 21

Pier Aldo Rovatti, Edoardo Greblo, Damiano Cantone e Tiziano Possamai presentano i corsi della Scuola di Filosofia che si terranno a partire dal prossimo gennaio con il titolo complessivo “Modi di pensare. Lavori in corso”. Viene anche presentato il laboratorio su “Bisogni e salute mentale” in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale di Trieste.


La Scuola “sconfina” in radio

SconfinamentiIl 17 novembre Pier Aldo Rovatti è stato ospite al programma radio condotto da Martina Vocci “Sconfinamenti” (Radio Rai Fvg) per parlare dei corsi di quest’anno, le novità e l’organizzazione delle lezioni, dei seminari e dei laboratori.

La puntata si può ascoltare su SoundCloud. Leggi il seguito di questo post »


La Scuola si presenta al Caffè San Marco

Venerdì 11 novembre 2016, alle ore 18, presso la Libreria Caffè San Marco, verrà presentato in anteprima il nuovo programma della Scuola di filosofia promossa dal Laboratorio di filosofia contemporanea. Pier Aldo Rovatti, Raoul Kirchmayr e Mario Colucci introdurranno il dibattito sul tema “Modi di pensare” che prevede una serie di esercizi critici sulla condizione attuale del pensiero che tende a diventare chiusa in se stessa o troppo unificante.

caffe-san-marco
L’idea è quella di aprire innanzi tutto tre “cantieri” dedicati specificamente all’alienazione dopo Marx, al rapporto tra pericolosità e psicanalisi e alla curvatura etica prodotta dal “pensiero debole”, proponendo uno stile di lavoro soprattutto seminariale e collettivo.
Si parlerà anche di bisogni, di salute mentale, di doppi vincoli, di etica dell’immigrazione, di scrittura filosofica, di come pensa il cinema.